Investire con eToro


Per anni ho investito in azioni utilizzando l’home banking della mia banca. Un ottimo strumento, non c’è che dire, ma c’erano diversi aspetti che mi lasciavano l’amaro in bocca: primo su tutti, il costo.

E allora ho iniziato a guardarmi attorno alla ricerca di qualche strumento alternativo che mi desse le stesse certezze della mia banca ma a costi inferiori. Dopo mesi di ricerca, ho trovato lo strumento perfetto per me: eToro.

eToro

Cosa non andava con il vecchio sistema

Per ogni transazione, mi venivano richiesti un minimo di 5€ se investivo nel mercato italiano e 12€ se invece decidevo di investire in un mercato estero.  Niente male, vero?

Se ad esempio, volevo acquistare un’azione di $Google (dal valore, supponiamo, di 800$), dovevo pagare 12€, più altri 12€ quando la vendevo. Queste erano le commissioni della mia banca. E ovviamente c’era poi da calcolare il capital gain (20%) sulla plusvalenza. Quindi immaginando di acquistare un’azione $Google e di venderla con un guadagno del 5%, avevo una situazione del genere:

 

-Acquisto azione $Google (800$ + 12$ di costi di transazione)

-Vendo azione $Google a 800$ + 5% = 840$ e devo pagare un’altra transazione da 12$. Sulla plusvalenza devo anche pagare il 20%, quindi devo pagare il 20% di 40$ = 8$.

 

In una situazione di questo tipo, alla fine avrei guadagnato 40$12$ 12$ 8$ = 8$. Poco, non trovi? Senza considerare i costi del deposito titoli.

Ovviamente va detto che 800$ non sono molti da investire, ma se vuoi avere un portafogli diversificato e non sei milionario, non hai molte alternative. Ah già, c’è eToro!

 

Cos’è eToro

eToro, é un broker online che ti consente di investire in forex, indici, commodities e azioni, in molti casi sotto forma di CFD (credit for difference), un tipo di derivato che simula l’andamento di un determinato titolo.

Inoltre, eToro consente di investire con vari leverage, che aumentano o diminiuscono in base alla volatilità. Se la volatilità è alta, difficilmente si supereranno leve 2x, se la volatilità è bassa, come nel caso delle leve sulle commodities e sugli indici, che possono raggiungere anche il 100x. Questo significa che investendo un euro, è come se se ne fossero investiti 100, quindi una variazione dell’1% in realtà corrisponderà ad una variazione del 100%, e così via.

Ma le possibilità su eToro non finiscono qui: la vera innovazione proposta dalla piattaforma è il cosiddetto Social Trading, letteralmente Trading Sociale.

 

Cos’è il Social Trading

Il Social Trading è una pecularietà introdotta da eToro, che ti consente di copiare i più grandi investitori presenti nella piattaforma e di guadagnare quando loro guadagnano (oppure perdere, se dovessero perdere).

In pratica è come investire su un fondo gestito da un investitore, ma i tuoi soldi non vengono affidati a quella persona, perciò puoi ritirarli quando vuoi e non paghi alcuna commissione a quella persona. Semplicemente ti limiti a copiare ogni sua mossa.

Se la persone che copi apre una posizione su $Facebook con il 3% del suo patrimonio, anche tu aprirai la stessa posizione con il 3% del patrimonio che hai destinato a copiare quell’investitore. Perciò alla fine dell’anno, se quella persona ha guadagnato il 124.40%, anche tu avrai guadagnato una percentuale analoga.

JeppeKirkBonde on eToro

Facile no? Ovviamente devi tenere di conto che le performance precedenti non sono identificative per il futuro, perciò non è detto che un investitore che è andato bene un anno, anche l’anno successivo vada altrettanto bene.

Il mio consiglio è di non affidare tutto il tuo capitale destinato all’investimento ad una sola persona. Ovviamente dipende anche da quanto capitale hai a disposizione: se hai 500€ o 1000€, non ti conviene investire su troppi investitori diversi, perchè altrimenti rischi che le copie non siano fedeli al 100%. Il mio consiglio è di non investire meno di 500-1000€ in un investitore, se possibile anche 2000€.

 

Come registrarsi su eToro

Registrarsi a eToro è semplicissimo, e puoi farlo a questo link: http://etoro.com/. Se ti registri da quel link ed effettui il primo versamento, otterrai un bonus di 20$!

 

Scopri le 5 azioni in cui ho investito nel 2018

 

Fammi sapere cosa ne pensi

E tu cosa ne pensi? Mi piacerebbe, come sempre, avere una tua opinione in merito ai miei articoli. Scrivimi cosa ne pensi di eToro nei commenti! Lo hai provato? Come ti sei trovato?

 

5 film da guardare per comprendere la finanza


Ciao, in questo articolo vorrei suggerirti 5 film che ho trovato utilissimi per comprendere meglio il mondo della finanza.

Diciamo che sono 5 must se vuoi iniziare a investire qualche risparmio, perchè ti aiutano a comprendere su cosa stai realmente investendo, e credo che sia fondamentale investire consapevolmente.

Ma veniamo a noi! Ecco qua i 5 film che ho selezionato. Ce ne sarebbero molti altri, ma ho scelto i più recenti, dal momento che il mondo della finanza cambia sempre più velocemente.

 

1. The Big Short (La grande scommessa)

Giusto qualche giorno fa, in un mio articolo, ti ho spiegato come guadagnare quando i mercati crollano. Nel film, vengono raccontate le storie di alcuni investitori che, per diverse ragioni, hanno vinto una delle più grandi “scommesse” di sempre: hanno scommesso contro i mercati immobiliari e hanno vinto!

Nel film, si spiegano molto bene concetti come i derivati, la posizioni corte (te ne parlo anche in un mio articolo) e di come, nel mondo degli investimenti, si riesca a trasformare qualsiasi cosa in un prodotto finanziario.

Ho messo La grande scommessa al primo posto per la semplicità con cui riesce a spiegare concetti decisamente complessi.

Non è un caso che abbia vinto un oscar per la miglior sceneggiatura non originale. E’ disponibile anche un libro, tratto dal film (puoi leggere l’estratto da qui).

Vuoi approfondire il concetto di guadagnare quando i mercati scendono? Leggi questo articolo

 

2. Inside Job

Se ti è piaciuto il primo film e vuoi decidere di approfondire, ti consiglio di non perderti questo documentario.

Inside Job approfondisce temi che avrai già visto in The Big Short, e ne introduce di nuovi, come i CDO (Collateralized Debt Obbligation) e i Credit Default Swap. Questi termini ti sembreranno arabo adesso, ma ti assicuro che dopo aver visto il documentario, ti saranno decisamente molto più chiari, e finalmente saprai cos’è che ha fatto collassare il sistema nel 2007-2008, dando origine alla crisi più grande dal 1929!

E la cosa più sconcertante che emerge da Inside Job è che nessuno dei fautori del crollo dei mercati ha pagato, ma anzi, si sono arricchiti ancora di più.

 

3. Margin Call

Restiamo in tema crisi dei mutui subprime. Dopotutto ha giocato un ruolo chiave nell’economia moderna, e non si può comprendere il mondo della finanza di oggi se non si comprende quello di allora (non è cambiato molto, in realtà).

Margin Call cambia ancora una volta prospettiva. Questa film si concentra in un’arco temporale di 24 ore ed è ambientato in una banca di investimenti, dove un impiegato si accorge che c’è qualcosa che non va con i tassi di volatilità di alcuni prodotti nel loro portafoglio.

Senza dubbio Margin Call è un gran bel film, con un cast stellare (primo su tutti Kevin Spacey), ma è anche un po’ più complesso da comprendere rispetto ai precedenti, perchè non si ferma a spiegare concetti tecnici.

 

4. The Wizard of Lies

Cambiando un po’ tema, ci spostiamo su The Wizard of Lies, con Robert De Niro. Il film racconta la storia di Bernard Madoff, quello che apparentemente era uno stimabile broker New Yorkese (per un periodo aveva addirittura ricoperto il ruolo di presidente del NASDAQ), ma che in realtà aveva creato una delle frodi finanziarie più grandi di sempre, uno schema Ponzi da oltre 60 miliardi di dollari!

 

5. Dirty Money

E non poteva mancare nella lista, il nuovo documentario targato $Netflix, che racconta in diversi episodi storie di corruzione o di truffe da parte di banche, case farmaceutiche, case automobilistiche e politici (uno degli episodi parla proprio di Donald Trump). Sicuramente una serie da vedere.

 

Come promesso ti ho mostrato 5 titoli da non perdere, ma te ne voglio fornire un sesto extra. Non parla proprio di finanza, ma di $Bitcoin e criptovalute in generale. Si chiama Banking on Bitcoin, ed è un documentario che racconta tutta la storia di come sia nata l’era del Bitcoin, sin dagli albori, e di tutti gli scandali che ne sono scaturiti.

 

 

Sicuramente interessante per cultura personale, e sopratutto se tu volessi investire in Bitcoin ma volessi prima capire bene di cosa si tratti.

 

Vuoi approfondire il concetto di guadagnare quando i mercati scendono? Leggi questo articolo

 

Fammi sapere cosa ne pensi

E tu cosa ne pensi? Mi piacerebbe, come sempre, avere una tua opinione in merito ai miei articoli. Fammi sapere cosa ne pensi nei commenti!

 

Come guadagnare scrivendo con Steemit [Case study]


Ciao, oggi ti volevo parlare di un metodo che ho scoperto recentemente per guadagnare scrivendo, o meglio, più che un metodo, una piattaforma: si chiama Steemit.

Steem: guadagna scrivendo

Cos’è Steemit?

Steemit è un Social Network che ti paga per scrivere post, commentare, condividere e lasciare likes. Esatto, non solo guadagni Steem (la criptovaluta ufficiale della piattaforma) per ogni articolo che posti, ma puoi anche guadagnarne come “curatore”, lasciando feedback positivi ai post di altri utenti che ti piacciono.

 

Come funziona Steemit

Steemit si basa sulla tecnologia blockchain, la stessa utilizzata da $Bitcoin, $Ethereum, ecc, per evitare che altri utenti possano in qualche modo appropriarsi dei tuoi steem.

Il guadagno per ogni singolo post, dipende dal coinvolgimento che si riesce a creare: maggiori saranno gli upvotes e l’attendibilità di chi li lascia, maggiori saranno i guadagni. L’attendibilità viene valutata in funzione della propria steem power, che rappresentà la qualità dei contenuti condivisi e curati fino ad ora.

 

 

Come iniziare

Per iniziare a condividere i tuoi contenuti su Steemit, dovrai creare un’account seguendo la procedura guidata al sequente link: https://steemit.com/pick_account.

In seguito, dovrai aspettare alcune ora che un membro dello staff accetti la tua richiesta.

Una volta che la tua richiesta sarà stata approvata, potrai iniziare a condividere i tuoi post e ad interagire con quelli degli altri utenti.

L’interfaccia non è molto diversa da quella di altri social network: sulla sinistra avrai la colonna dei tags più utilizzati, al centro avrai il feed con tutti gli articoli, e sulla destra troverai alcuni link utili che ti rimanderanno al tuo wallet e al tuo “blog”, ovvero il tuo profilo su Steemit.

Feed su steemit

Sotto ogni post, sarà rappresentato quanto l’autore ha guadagnato con quel post, oltre al numero degli upvotes e dei commenti. Come puoi vedere, ci sono persone che in meno di 17 ore hanno guadagnato più di 1500$ con un singolo post!

Ovviamente non è così scontato avere grandi guadagni, soprattutto all’inizio, quando nessuno ti conosce e non hai followers ne steem power.

 

Presentati alla community

Ho un consiglio per te per farti conoscere alla community e intanto guadagnare un po’: crea un post introduceyourself, ovvero un post di presentazione, dove parli di te alla community di Steemit. Cerca di essere originale, perchè questo post potrà portarti i primi guadagni e ti consentirà di farti conoscere alla community.

Solo per farti un’idea, questo è quanto sono riuscito a guadagnare con il mio primo post:

Steemit presentazione

Niente male, vero?

Se vuoi farti un’idea di come scrivere il tuo primo post su Steemit, leggi il mio: Mi presento

 

Come funzionano i guadagni su Steemit

Fin qui sembrerebbe tutto semplice, vero? Purtroppo, in realtà il sistema di remunerazione di Steemit non è particolarmente intuitivo, e all’inizio può disorientarti un po’.

Infatti, Steemit ha al suo interno 3 diversi tipi di tokenSteemSteem DollarsSteem Power.

Gli Steem sono una vera e propria criptovaluta, tradabile in diversi exchange in cambio di altre criptovalute, oppure possono essere convertiti in Steem dollarsSteem power.

Gli Steem Dollars, invece, sono una criptovaluta che puoi utilizzare per “ricompensare” gli altri utenti per la qualità dei loro post. Infatti, è possibile “premiare” un utente per un buon post lasciando un like oppure commentando il suo post. Anche gli Steem Dollars sono convertibili in Steem o in Steem Power.

Gli Steem Power rappresentano l’influenza che un nostro voto avrà su un post. Non tutti i voti infatti hanno lo stesso “peso”: chi avrà un maggiore numero di Steem Power, verrà tenuto maggiormente in considerazione dall’algoritmo di Steemit.

 

 

Ogni volta che posti, lasci un like, commenti o condividi, riceverai dei guadagni dopo una settimana: il tuo guadagno sarà al 50% in Steem power e al 50% in Steem Dollars.

 

Scopri i migliori Exchange: Migliori piattaforme per investire in $Bitcoin e altre criptovalute

 

 

E tu cosa ne pensi?

Come sempre mi piacerebbe sapere il tuo parere, perchè il bello di internet è scambiarsi opinioni. Fammi sapere quali sono le tue idee in merito a questo argomento!

Cosa è una ICO


Di sicuro negli ultimi anni ti sarà capitato di sentire parlare di blockchain, e criptovalute.

A partire dal lancio di $Ethereum, poi, è esplosa una nuova tenzenda: la moda delle ICO.

Ma che cos’è una ICO?

 

ICO: Definizione

La ICO (Initial Coin Offering, in italiano offerta iniziale di monete) è l’ultima frontiera del fenomeno del crowdfunding nel settore delle criptovalute.

Con questo meccanismo, l’azienda è in grado di assicurarsi le risorse di cui ha bisogno per lo sviluppo del prodotto. In cambio, i finanziatori ricevono dei token, che potranno rivendere a prezzo molto più alto successivamente, se l’azienda andrà bene.

Il The Economist definisce le ICO come

coupon digitali, dei token o buoni emessi su un libro contabile distribuito indelebile, o blockchain, che sta dietro il $bitcoin, una criptovaluta. Questo significa che possono essere scambiate facilmente, sebbene non conferiscano alcun diritto di proprietà, a differenza delle azioni. Gli investitori sperano che il successo dei progetti farà aumentare il valore dei token

 

Un po’ di storia

Ma da dove nascono le ICO?

L’acronimo prende ispirazione dalle IPO (Initial Public Offering), che danno inizio alla quotazione delle azioni di una determinata azienda in borsa.

La prima volta in cui si è sentito parlare di ICO è stato il 2013, con il lancio di MasterCoin, che portò all’azienda 5 milioni di dollari in $Bitcoin come ricavato dalla vendita dei loro token.

Da quel momento, sono state lanciate moltissime ICO. Un esempio celebre è $Ethereum, che nel 2014 ha lanciato i suoi token a 0,3$, per poi rilasciare effettivamente la piattaforma nell’anno successivo. Adesso (gennaio 2018) un $Ethereum ti costerebbe quasi $1000!

 

I rischi

Ovviamente ogni investimento comporta dei rischi, e le ICO non fanno certo eccezione, anzi… Sono uno degli investimenti più rischiosi ma allo stesso tempo potenzialmente remunerativi del momento!

In primis, va detto che i profitti non sono garantiti, e quindi i token acquistati potrebbero valere zero pochi giorni dopo il lancio. E il rischio è ancora più elevato, dato che si opera fuori da un mercato regolamentato.

Un altro possibile rischio è quello di frode, perchè alcune ICO nascono come vere e proprie truffe o come schemi Ponzi. Il mio consiglio è sempre quello di informarsi bene su chi c’è dietro al progetto, le loro competenze e stabilire se il progetto in se vale il rischio che comporta. Leggere sempre il white paper è un must, la condizione minima per capire se, secondo te, il progetto ha del potenziale. Se il progetto non è chiaro o non è dettagliato, non investirci.

Cerca sempre informazioni sul team, leggi le opinioni di altri utenti su Reddit o su altri canali non manovrabili e non investire in ICO mai più del 5-10% del capitale che utilizzi per i tuoi investimenti.

Un’altro consiglio fondamentale: diffida da quello che leggi su facebook o nei social, o meglio, prendi tutto con le pinze. Spesso coloro che parlano troppo bene di una ICO hanno degli interessi.

E per finire cerca di differenziare. Ce lo insegnano i big del mondo della finanza: differenziare è sempre la cosa migliore, quando si tratta di investimenti.

 

In questo articolo ti parlo della ICO di Crypterium. Leggi l’articolo ->

 

 

Cosa ne pensi?

E tu cosa ne pensi? Come sempre mi piacerebbe sentire le opinioni di tutti. Fammi sapere qual’è il tuo parere nei commenti qua sotto!

Migliori piattaforme per acquistare Bitcoin


Di sicuro anche tu avrai sentito parlare di $Bitcoin, di criptovalute e di blockchain.

Possono non esserti chiari al 100% come concetti, ma almeno una volta ti sarà capitato di pensare di acquistare bitcoin, non puoi negarlo!

E allora veniamo a noi: quali sono le migliori piattaforme per acquistare Bitcoin e altre Criptovalute?

1. Coinbase

Regina indiscussa dei giochi, con circa 14 milioni di iscritti. Su questa piattaforma sarai in grado di acquistare Bitcoin, Ethereum, Litecoin e molte altre criptovalute.

Un’ottima piattaforma che fa sia da wallet, ovvero portafoglio virtuale dove puoi conservare le tue criptovalute, sia da exchange, tramite Gdax, piattaforma di exchange di criptvalute di proprietà della stessa Coinbase.

Puoi registrarti e acquistare i tuoi primi $bitcoin da questo link: https://www.coinbase.com/join/.

Ti basterà inserire la tua e-mail e seguire la procedura guidata. Ti sarà chiesto di verificare la tua identità e in pochi minuti avrai il tuo wallet!

2. SpectroCoin

Molti amici o lettori del blog, in questi giorni mi hanno detto che Coinbase, a causa dell’elevato traffico, sta faticando a verificare i profili, e questo procedimento può durare anche alcuni giorni.

Ma niente paura, ti propongo un’alternativa che non ha niente da invidiare a coinbase, anzi… Si tratta di SpectroCoin, una piattaforma che offre sia wallet che exchange.

A dire il vero, SpectroCoin ha anche di più da offrire rispetto a Coinbase: infatti, non solo su SpectroCoin ti è possibile acquistare più criptovalute, ma ti offre la possibilità di richiedere una carta prepagata Visa con cui pagare direttamente dal tuo wallet!

Puoi registrarti a SpectroCoin dal seguente link: https://spectrocoin.com/en/signup.html.

Sapevi che SpectroCoin ha lanciato una ICO per finanziare Bankera, la nuova banca basata sulla blockchain? Partecipa ora!

3. Binance

Le soluzioni precedenti sono fantastiche, ma ti consentono soltanto di comprare le solite 3 o 4 criptovalute, quelle più celebri.

Binance è un’ottimo partito: ti offre la possibilità di scegliere tra oltre 50 valute e scambiarle con i tuoi $Bitcoin o $Ethereum! Il mio consiglio è di acquistare i tuoi $bitcoin su Coinbase o Spectrocoin e poi spostarli su Binance per acquistare altre criptovalute.

Registrarti a Binance è molto semplice, puoi farlo dal seguente link: https://www.binance.com/.

4. Kucoin

Ultimamente capita spesso che Binance blocchi le iscrizioni a causa del troppo traffico, ma niente paura: Kucoin è davvero un’ottima alternativa. Sta crescendo sempre più velocemente negli ultimi tempi. Se Binance offre un’ampia gamma di scelta, Kucoin ne mette a disposizione ancora di più.

Registrarti a Kucoin è molto semplice, puoi farlo dal seguente link: https://www.kucoin.com/.

5. eToro

Etoro è probabilmente la soluzione migliore per chi volesse prendere parte al trend del momento ma che allo stesso tempo non si sente adeguato e non capisce che cosa sia un wallet, o che comunque non si sente sicuro ad investirsi da solo i propri soldi.

Etoro è una piattaforma di social trading, e la cosa che la rende unica è che puoi copiare altri utenti della piattaforma e guadagnare se guadagnano loro. Puoi investire in stock, in commodities, in criptovalute, oppure copiare persone.

Registrarsi a eToro è semplicissimo, e puoi farlo a questo link: http://etoro.com/.

Vuoi saperne di più su come investire su eToro? Leggi il mio articolo dove ti spiego come investire con eToro

Il 2018 probabilmente non sarà l’anno dei $Bitcoin, ma l’anno delle altcoin! Scopri le migliori criptovalute del 2018!